martes, 18 de mayo de 2010

Pan a las flores de sauco/ recuerdos de viaje 1

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.--.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.
versione italiana in basso:

Esta es una receta muy simple, pero para que quede perfecta, segun mi opinión, hay que hacer previamente unas cuantas cosas.
Primero: es necesario un una noche de luna llena de media primavera.
Segundo: hay que procurarse un paisaje así,


Tercero: hay que encontrar un sauco en flor y cortar sus flores.

El saúco, in italiano se dice sambuco, y la palabra tiene origen latina : Sambucus, que a su vez llega del grieco sambyke o sakbut, un antiguo instrumento musical que usaban tambien los Romanos y que era hecho con las ramas de esta planta. 
Aun hoy los tubos sonoros de las gaitas son de madera de saúco y en la tradicion popular alemana lse pensaba que la flauta mágica estaba hecha con esta madera.
En la tradicion popular era una planta sacra, y en la alemana se pensaba que una hada, Holda, vivia en la planta y le daba los poderes de sanación.
Se plantaban saucos alrededor de monasterios y castillos para que fueran protegidos de los males.
Pero para algunas otras tradiciones es una planta ambigua: en ella no vive una hada, mas bien una bruja, probablemente porqué la madera es toxica.
Las flores y las guindas del sauco tienen diversas propriedades: diuréticas, laxantes, antirreumática, antinevralgica y emolientes.
Con las flores se usan también para licores y se preparaba una tisana que servia como remedio popular para el resfrío, la gripe, la tos, el asma y los reumatismos, para saber si toda esta maravilla que podría derrotar mas de una multinacional farmacéutica es cierta escriban a Dario Bressanini en su blog La Scienza in cucina....(y si necesitan traducción, aquí estoy....).


Bueno, la ambición de la receta es mucho pero mucho mas modesta: simplemente aprovechar de esta maravillosa primavera en la tierra de las Marcas con su flores y su naturaleza en pleno despertar y de la gran cantidad de flores de saúco que hay en los campos.
Este es un pan que se define "quick bread": o sea pan veloz, definición dada por el pragmatismo anglosajón,  que con muy poco tiempo se encuentra la manera de obtener panes sabrosos, simples y para todas las ocasiones ya que no necesitan de tiempos para que leven. Las masas se preparan con polvo de hornear y se cocinan en moldes. 
No es la magia de la levadura fresca, de la masa que leva...pero creo que el tiempo es el recurso mas raro del mundo....por lo tanto....
Esta y otras recetas las pueden encontar aqui.

Y esta es la receta:

Ingredientes:

- 220 gr de harina sin gluten 
- 10 gr de polvo de hornear *
- 1/2 cucharada de bicarbonato de sodio
- 85 gr de azúcar
- 1 taza de flores de saúco
- 2 huevos batidos
- 80 ml de aceite de oliva
- 65 ml de leche mezclada con  2 cucharaditas de limón
- manteca para el molde
- 1 pizca de sal

*apto para celiacos

Como se hace:
  • Lavar las flores de saúco, secarlas con papel absorbente y poner las florcitas en una taza
  • En un bol mezclar los ingredientes secos:  harina,  polvo de hornear, bicarbonato, la sal,  el azucar y las flores.
  • Precalentar el horno a 180 grados y enmantecar el molde.
  • En un mixer batir los huevos con el aceite de oliva y agregar a la los ingredientes secos mezclando rápidamente solo para amalgamar todos los ingredientes.
  • Volcar la preparación en el molde y cocinar en horno a 180 grados por 50 minutos (hagan la prueba palito..si pinchando el pan sale seco significa que esta' cocido)
  • Esperar 10 minuto antes de desmoldar.
  • Probarlo en seguida tibio:  aroma de primavera !!
Y............mas abajo un poco de magia.....:
-:-:-:-:-:-:-:-:-:-:-:-:

PANE AI FIORI DI SAMBUCO



Questa e´ una ricetta semplicissima, ma per farla perfetta secondo me bisogna avere prima qualche elemento:
Primo: e'  necessaria una notte di luna piena di mezza primavera,
Secondo: vi dovete procurare un paesaggio cosi


Terzo: dovete trovare un sambuco e cogliere i suoi fiori




L'origine della parola sambuco viene dal latino Sambucus che a sua volta deriva dal greco sambyke o sakbut, un antico strumento musicale che usavanoamnche i Romani e che era costruito con i rami di questa pianta. Ancora adesso i tubi sonori dellecornamuse sono di legno di sambuco e per la tradizione popolare tedesca il flauto magico era fatto dello stesso materiale. 


La pianta del sambuco era considerata sacra dalla tradizione folkloristica germanica, infatti, era chiamata l'albero, Holda, nome di una fata che abitava la pianta e che le conferiva dei poteri curativi., ma è considerata anche una pianta ambigua, si favoleggia che dentro di lei non si celi una fata ma bensì una strega.
Nell'erbario la pianta di Sambuco ha diverse proprietà diuretiche, sudorifere, lassative, antireumatiche, antinevralgiche, emollienti.
Con i fiori del Sambuco, usati anche per i liquori, si fa una tisana che serve come rimedio popolare per raffreddore, influenza, tosse, asma, reumatismi......,  per sapere se tutta questa meraviglia che ´potebbe annulare piu' di una multinazionale del farmaco ha un fondo di verita' chiedetelo Dario Bressanini nel suo  La Scienza in cucina.



Bene, l'ambizione di questa ricetta e´molto ma molto piu' modesta: semplicemente approffitare della meravigliosa primavera marchigiana con i suoi fiori e la sua natura in pieno risveglio e della grande quantita' di fiori di sambuco che ci sono nei campi.


Questo e' un pane cosidetto quick bread: pane veloce, secondo la definizione fornita dal pragmatismo amglosassone. Sono pani saporiti, semplici, adatti a ogni occasione che si ottengono in poco tempo poiche' non hanno bisogno di lievitazione. L'impasto si prepara con lievito per dolci e si cucinano con stampi.
Cero non e' la magia del lievito e della lievitazione ma mi sembra che il tempo sia la risorsa piu' scarsa che ci sia per cui ogni tanto.....
Questa e altre ricette le potete trovare qui.

E questa e' la ricetta.

Ingredienti:

- 220 gr di farina senza glutine 
- 10 gr delievito per dolci *
- 1/2 cucchiaio di bicarbonato de sodio
- 85 gr di zucchero
- 1 tazza da te' di fiori di sambuco 
- 2 uova sbattute
- 80 ml di olio d'oliva
- 65 ml de latte acidulata con 2 cucchiani di limone 
- burro per lo stampo
- 1 pizzico di sale

* gluten free

Come si fa:
Lavare i fiori di sambuco e ascigarli con la carta assorbente. Sfilare tutti i fiorellini e metterli in una tazza.
In una ciotola mescolare gli ingredienti secchi: :  farina,  lievito, bicarbonato, sale,  zucchero e i fiori di sambuco.
Scaldare il forno a 180 gradi e imburrare lo stampo.
Sbattere le uova uova con l'olio e aggimgerle agli ingredienti secchi mescolando velocemente solo per miscelare bene tutti gli ingredienti. 
Versare la preparazione in uno stampo e cocinare in forno a 180 gradi per 50 minuti circa.
Aspettare 10 minuti prima di sformare e poi servirlo subito tiepido: aroma di primavera !!

E.....................................

Y un poco de magia con la flauta magica:
Un po' di magia con il flauto magico:

17 comentarios:

astrofiammante dijo...

ti scopro arrivando da D. Bressanini, e arrivo su questo pane che non ha bisogno di pazienza per la lievitazione, che non è poco, è un pane dolce? complimenti per quel video .....il mio nickname ha qualcosa a che fare ;-))

Glu.fri cosas varias sin gluten dijo...

che bello conoscerti astro fiammante !!

Loste dijo...

con il sambuco so farci tante cose ma il pane non l'ho mai provato. :)

Dove hai colto i fiori ?

lacquadorosa dijo...

Sono felice che hai riportato dalle Marche un profumo così dolce. Io mi sono fermata alla marmellata e allo sciroppo di sambuco, ma questa idea è veramente...odorosa!!! Rubata.

Ps. Per gli ingredienti devo darmi da fare, ma almeno per il paesaggio sono a posto!

Stefania dijo...

Che bella la foto della chiesetta....
forse sono riuscita a capire come lasciare un commento...vediamo...

Glu.fri cosas varias sin gluten dijo...

@Loste: a Fratterosa ! Scrutero' il tuo blog in cerca di fiori !!

@Carla: si il paesaggio e' straordinario !! E anche i sambuchi. Anche da teverro' a ceracare le ricette odorose...bella l'ultima con le erbe selvatiche

Pikerita dijo...

¡¡Que maravilla de entrada Glufri!!.. Me gusta todo... lo que cuentas.. las fotos.. la receta.
Te ha cundido el viaje ¿no?
Besotes

Il gatto goloso dijo...

Maddai... è gia qualche giorno che mi dico che devo andare a cogliere i fiori di sambuco... sai che non li ho mai assaggiatai? :)
Sono curiosissima... questo pane dolce mi ispira non poco :) Un abbraccio!

Glu.fri cosas varias sin gluten dijo...

@ Pikerita: si si encotrar las raices es muy lindo, estoy feliz que te gusto' la entrada. besos

@ Gatto Goloso: che piacere averti nel blog Claudia!! Sai che si possono mangiare anche fritti ? Sono buonissimi. Adesso chiedo la ricetta a mia mamma e te la passo perche' non mi ricordo bene come faceva la pastella...Un abbraccio

Jasmine dijo...

Il sambuco l'ho sempre fatto fritto e in forma di sciroppo, ma questo pane mi pare un'idea geniale!
Brava Simonetta!! :)
A presto
Jasmine

Glu.fri cosas varias sin gluten dijo...

Grazie Jas !!

fantasie dijo...

Ma se i fiori di sambuco non li trovo, con cosa posso sostituirli? Per il panorama ho veramente poco da fare... ci si può accontentare vista palazzi, strada, macchine, negozi? E poi è una preparazione che da sul dolce o sul salato, cioè sul sapore brioscine o pane? Troppo curiosa? Ma lo voglio rifare subito questo pane quick and easy...
Ultima domanda, quale marca di farina usi?
Baci
Stefania

Glu.fri cosas varias sin gluten dijo...

Ciao Stefania: i fiori li puoi sostituire con rose, violette e quant'altro comestibile, per il panorama..che ti posso dire io qui a Ba ho vista a una terrazza con un enorme parrilla (griglia esterna) con tanto di testa di toro...! ti mandero' le foto! 'na roba terribile..
E' una cosa semidolce...tipo un pan briosche, forse un po' piu' dolce. La farina era della coop, dato che stando tanto fuori Italia non ho tempo di rinnovare le varie pratiche per ottenere i nostri cari (in tutti i sensi) alimenti free. E' ovvio ! dato che la celiachia e' una malattia cronica che bisogna rinnovare i controlli ogni anno....ironia...
Pero' bisogna accontertarsi da queste parti causa completa distruzzione dello stato sociale i prodotti te li devi pagare tutti e sono pure piu' cari. Baci

Muscaria dijo...

Questo pane è bellissimo! Accidenti, ora devo trovare il sambuco... l'ho provato solo sottoforma di "succo".

Certo che un paesaggio del genere aiuta, eccome se aiuta... ;-)

Glu.fri cosas varias sin gluten dijo...

@Muscaria:si il paesaggio e' stato un'ispirazione !! grazie per passare dal mio blog

@Todos/Tutti: mille grazie !!!!!

terry dijo...

Ciao! paicere di conoscerti!
Mi sa che abbiam fatto lo stesso pane...
http://crumpetsandco.wordpress.com/2010/05/18/cake-ai-fiori-di-sambuco/
che io ho chiamato cake...dallo stesso libro!
Se trovi ancora sambuco. io c'ho fatto pure le frittelle e i pancakes...li trovi nel blog!
baci e alla prossima

Glu.fri cosas varias sin gluten dijo...

@ terry, ma guarda i casi della vita !! E' pure un libro vecchiotto..
Comunque bellissimmo il tuo blog...grazie per essere venuta a trovarmi, io ricambiero' di sicuro !

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

ShareThis