lunes, 4 de octubre de 2010

Mercado del progreso

la versión en castellano no esta....

Per cucinare bisogna fare la spesa...lapalisse...
E bisogna scegluere gli ingredienti molto bene...lapalisse 2.
E allora dove si va? Al  Mercado del Progresso, nel quartiere di Caballito, Cittá di Buenos Aires (per gli italiani, giusto dietro l'angolo..). E' stato inaugurato nel 1889.
Si entra da un vicoletto piccino, uno dei pochi rimasti in questa trama urbana compoasta da avenidas autostradali e calles che sono grandi 3 volte il corso principale di una media cittá di provincia italiana..
In questo vicoletto con respiro ancora un po' coloniale c'e' l'emblema del quartiere, il cavallinoe, il parcheggio, fondamentale, e l'entrata principale a uno dei piú antichi mercati al coperto della cittá.


Se per caso vi dimenticate che siete a Buenos Aires, l'immagine della coppia avvinghiata in un tango sul cartello della via ve lo ricorda...

All'entrata del mercato si e´accolti da un esuberante offerta di prodotti. Negozietti stracolmi di merce.


E siamo o non siamo in un paese in cui quasi la metá della popolazione ha origini italiane?...Si nota qualche logo o  immagine conosciuta ?


E adesso si va a fare la spesa. 
Prima di tutto il pane, io non lo mangio ma insomma mica si puó eliminare dalla dieta degli altri. E qui la simpatica signora vende pane, torte, pizzette, grissini. Notare il pane Cremona....pare sia buonissimo.


Un goccetto ce lo si merita, e  poi ci proteggono i santi.



E adesso dove si va? Il corridoio centrale e' tutto occupato dalle macellerie, niente pareti, piú igiene.



Ora del café, nel luogo dell'incontro. La campanella non so a cosa serva, e con il caffé arriva: l'acqua, la medialuna non per me ovvimente (il croissant). Il signore non resiste alla posa di fronte alla macchina fotografica...




Momento delle verdure: Loro sono simpaticissimi e oltre a vendere le verdure preparano anche i manicaretti.. con le verdure.


Bisogno di olive, spezie, capperi e granaglie e farine varie ?


Ed eccoci, finalmente, nei negozi principe, nei luoghi indispensabili per la dieta carnivora degli argentini: le macellerie...Quel pezzone di carne lungo, lungo é il famoso asado argentino, un taglio tipico, in cui le costolette sono ricoperte di carne.


Torniamo in Italia?  I salumi ricordando le gondole:


E abbiamo finito: usciamo dalla porta principale con azulejos spirituali: non di solo cibo vive l'uomo...


Si, ma appena fuori si ricomincia: questo negozietto vende prelibatezze italiane e ebree (ignoro il perché di questa associazione, ma tutto faceva molta gola..)


e fa convivere felicemente le sfogliatelle con lo strudel. Fuori dall'Italia, l'Italia é unita....


E adesso andiamo a mangiare che ci é venuta fame.


















19 comentarios:

alessandra (raravis) dijo...

Che meraviglia, questo reportage! e che voglia di essere dall'altra parte del mondo...la liguria è terra di emigranti verso il Sud America e l'asado è una delle specialità tipiche della zona dietro Chiavari, la Fontanabuona, dove non si contano più i Manuel e gli Juan della generazione di mezzo. Anche fra i banchi del vostro mercato si respira l'amore per la madre patria e questo legame a doppio scambio è davvero commovente. Grazie per questo reportage e per le emozioni che mi hai trasmesso
un bacione
ale

Gunther dijo...

Grazie che magnifico post, siamo tutti molto curiosi sull'argentina, perchè è un paese a noi lontano fisicamente ma non nel cuore, è stato molto bello vedere queste foto e i prodotti che ci sono che ricordano l'Italia

Anónimo dijo...

buenisimo!!

Federica dijo...

Bello bello bello questo reportage, sono sempre curiosa di conoscere le abitudini di altri paesi. Un bacio, buona settimana

Zucchero e Farina dijo...

Lo vorrei proprio fare un giro in questo mercato.. quando viaggio mi piace molto scoprire i mercati e le usanza alimentari locali. Grazie per avermi fatto scoprire quello di Buenos Aires. bacio

Chiara dijo...

io ci perderei delle ore in mezzo a questi negozietti! bellissimo reportage, sembra di stare lì! Un abbraccio e buona settimana....

Ciboulette dijo...

ahh finalmente sono riuscita a vedere questo post, e a vederlo sul serio, perche' fortunaamente il firewall qui al lavoro non nasconde le tue foto....una bellissima descrizione, non sapevo tante d

Jasmine dijo...

Oh Simonetta tu sai quanto vorrei andare a Buenos Aires... così mi viene una voglia pazzesca di prendere il primo volo disponibile!!

flavio dijo...

grazie 1000 per averci fatto vedere questo mercato argentino, caratteristico e bellissimo, ciao

Lo Ziopiero dijo...

Bello questo reportage!
Peccato BA sia così lontano...

Glu.fri cosas varias sin gluten dijo...

@tutti: grazie per essere venuti a visitare questo pezzetto sconosciuto di una grande cittá...

Gio dijo...

Simonetta CHE BELLO!!!
...corro a fare il biglietto aereo! :)

Lydia dijo...

Come hai ragione Simonetta "fuori dall'Italia, l'Italia è unita"
Sante parole

La Gaia Celiaca dijo...

delizioso questo reportage.
quando leggo queste storie mi vien voglia di viaggiare, a me che sono fondamentalmente una gran pantofolaia.

fuori dall'italia l'italia è verissima.

ti domando: fuori dall'italia l'italia com'è?

lasciamo perdere, non credo di voler sentire la risposta...

Gambetto dijo...

Foto e post da ricordare...conta qualcosa che i partenopei hanno tutti senza esclusione di nessuno un emigrante almeno per famiglia...e non scherzo! ehehehehe :PP

Glu.fri cosas varias sin gluten dijo...

Sull'Italia fuori dall'Italia..no comment.
Eppure ci siamo, noi italiani, qui come non mai.
E non solo nei cognomi, piuttosto nei sogni e nelle illusioni, nei ricordi e nelle speranze.
Grazie a tutti

Caminarsingluten dijo...

A nosotros nos gusta mucho visitar mercados y este nos a parecido estupendo, con esas fotos que nos has mostrado.

¡Por cierto! El pasado sábado fuimos a la Plaza Mayor de Madrid, donde había un "mercado" de Argentinos en Madrid, y aunque no había productos sin gluten, nos gusto mucho.

Besotes

Ana y Víctor.

Nepitella dijo...

Bello questo mercato :-) mi piacciono tanto i posti così ma da me non ce ne sono :-( Un abbraccio

Patricia dijo...

Aayyyy Simo, tengo una amnesia, no me acuerdo cual es! donde, donde, en que calle? ciao bella, te vi en otro blog tuyo!!! besos:)
Pat

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

ShareThis